Santa Rosa

Allegra Martin

Daniele Brescia, Fuori Tutti

Alice Caracciolo, Ordine Periferico

Gloria Casto, In attesa

Mariateresa Contaldo

Domenico Doronzo

Annalisa Lazoi

Marianna Spadone

Santa Rosa

Nel 2014 Bitume ha ospitato un workshop con Allegra Martin, volto a fornire un primo sguardo sul quartiere Santa Rosa, dove sorge Manifatture Knos. Dopo un processo di conversazioni e riflessioni fra Martin e i partecipanti al workshop, presentiamo oggi alcuni risultati. La mostra è a cura di Allegra Martin e Positivo Diretto.

Indoor Exhibition
Manifatture Knos

In 2014 Bitume developed a workshop with Allegra Martin, aimed at providing a first look on the Santa Rosa district, where Manifatture Knos is located. Today we present the results deriving from conversations and reflections between Martin and the participants of the workshop. The exhibition is co–curated by Allegra Martin and Positivo Diretto.

Jan Stradtmann

Jan Stradtmann

born in Germany, 1976
lives in Germany

Jan Stradtmann studied MA Photographic Studies at the University of Westminster London. He had solo exhibitions in Lyon, Rome and Darmstadt and contributed to over fifteen group exhibitions such as “United Nations Extended – The Vienna Dialog”, MuseumsQuartier Vienna, Austria (2015) and “To Have and Have Not”, Noorderlicht International Photofestival, Groningen, NL (2013).

Still Hunt
2015—2016

Sviluppato nei dintorni di Gallipoli ad agosto 2015, Still Hunt mostra un gruppo di adolescenti che si incontrano in spiaggia di notte. Le immagini sono catturate da un dispositivo provvisto di sensore di movimento e flash a infrarossi. Questa tecnologia, in genere utilizzata per osservare gli animali e il loro comportamento a fini scientifici o venatori, è qui diretta agli adolescenti, protagonisti di queste immagini sfocate, resi oggetto di un’osservazione semi-scientifica. Essi sono colti in momenti spontanei: ciò che avviene in ogni fotografia è aperto all’interpretazione del lettore. Il modo in cui le immagini sono inquadrate, la bassa risoluzione della camera, l’uso del bianco e nero, concorrono a creare un’impressione di alienazione. Still Hunt cattura l’apice di un’estate che volge al termine, incastonata in una coreografia di corpi adolescenziali.

Still Hunt è stato prodotto durante la residenza “Serre Salentine”, co-organizzata da Positivo Diretto e GAL Serre Salentine per Bitume Photofest 2015

Bitume Photobook
Manifatture Knos

Still Hunt was shot in the area surrounding Gallipoli, in Southern Italy, in August of 2015. It showcases a group of teenagers meeting at the beach at night. The pictures are taken by a camera trap equipped with a motion sensor and infrared flash. This technology, usually used to observe animals and animal behavior for hunting and scientific purposes, is here directed at the teenagers, putting them in the spotlight of a blurry picture and turning them into objects of quasi-scientific observation. The teenagers are captured in candid moments; what exactly is occurring in each photograph is left open to interpretation. The way the images are cropped, the low resolution of the camera itself, and the use of black and white effects combine to create an alienated impression. Still Hunt captures the height of summer coming to an end, encapsulated in the choreography of teenage bodies.

Still Hunt was firstly produced during the residency program “Serre Salentine”, co-organized by Positivo Diretto and LAG Serre Salentine for Bitume Photofest 2015

Bitume Photobook

Bitume Photobook Book Launch
06.09, 19.00—23.00 • Manifatture Knos

1999 
Iacopo Pasqui
Presentato dall’autore e dall’editore Tommaso Parrillo (Witty Kiwi Books)

Formato 210×250 mm
Copertina morbida
112 pagine
52 fotografie a colori
stampa offset

Witty Kiwi Books, 2016
Prima edizione 500 copie
Edizione speciale copie 1-25

The book will be presented by the author and the publisher Tommaso Parrillo (Witty Kiwi Books)

Size 210×250 mm
Softcover
112 pages
52 color photographs
offset printing

Witty Kiwi Books, 2016
First edition: 500 copies
Special edition 1-25 copies


Tara, il fiume dei miracoli
Collettivo DAV

Presentato ufficialmente al Bitume Photofest. Per l’occasione saranno presenti gli autori e Irene Alison (DER*LAB), che ha curato l’editing del volume

Formato 185×240 mm
Copertina cartonata rivestita
brossura filo refe
112 pagine
carta Gardapat 13 Klassica 150 gr
carta Fizz 170 gr

The book will be officially presented at the festival, with the participation of the authors and the editor Irene Alison (DER*LAB)

Size 185×240 mm
Hardcover with dust cover
stitching binding
112 pages
paper: Gardapat 13 Klassica 150 gr, Fizz 170 gr

Tessuti Toniù
Francesca Semerano

Il libro prodotto artigianalmente verrà presentato dall’autrice e da DER*LAB (Irene Alison, Agnese Capalti)

Curato da DER*LAB
Progetto Irene Alison
Art direction Alessandra Pasquarelli
Produzione Antonella Sava
Comunicazione Agnese Capalti

Formato 165×230 mm
Copertina cartonata
128 pagine
Prima edizione 100 copie numerate e autografate

The handmade book will be presented by the author and DER*LAB (Irene Alison, Agnese Capalti)

Curated by DER*LAB
Book project Irene Alison
Art direction Alessandra Pasquarelli
Production Antonella Sava
Communication Agnese Capalti

Size 165×230 mm
Cardboard cover
128 pages
First edition of 100 numbered and signed


Still Hunt
Jan Stradtmann

L’edizione in serie limitata verrà presentata dall’autore e dai designer Kaspar Hauser

Formato 240×310 mm
32 pagine
6 fotografie a colori
28 fotografie monocromo
Design Kaspar Hauser
1000 copie
autoprodotto

edizione limitata 400 copie numerate e autografate
ogni copia include 1 di 4 stampe su carta Hahnemuehle Fine Art Baryta

The limited edition will be presented by the author and the designers (Kaspar Hauser)

Size 240×310 mm
32 pages
6 colour photographs
28 b/w photographs
Design Kaspar Hauser
1000 copies
self-published

limited edition 400 copies: each copy includes 1 out of 4 prints, signed and numbered
printed on Hahnemuehle Fine Art Baryta

For Birds’ Sake
Cemre Yeşil, Maria Sturm

Simbolo di scisma e confluenza, città transcontinentale, Istanbul è sempre stata fonte di ispirazione per grandi storie. Ma questa non è una storia su Istanbul; è una storia narrata dal punto di osservazione femminile su come un gruppo di uomini dedicano le loro vite a catturare cardellini e verdoni: un misterioso legame ricco di contraddizioni, amore, possesso e piacere; contraddizioni tra maschile e femminile; la carezza femminile a fianco della potenza maschile; custodi che fanno a gara per l’uccellino che canta meglio… E due donne che imparano ad ascoltare e parlare.

Formato 162×225 mm
Copertina rigida con Sovraccoperta in tessuto con zip (ognuna differente)
88 pagine

La Fabrica, 2016
Prima edizione

A symbol of schism and confluence, a transcontinental city, Istanbul has always been the inspiration for great stories. But this is not a story about Istanbul; it is a story from the female vantage point about how a group of men devote their lives to raising goldfinches and greenfinches: a mysterious bond full of contradictions, love, possession and pleasure; the contradictions between the masculine and feminine; the female caress alongside the power of men; caregivers who compete for the bird that sings the best… And two women who learn how to listen and speak.

Size 162×225 mm
Cardboard Cover + Fabric Book Jacket with zip (each different)
88 pages

La Fabrica, 2016
First edition

Bitume Photobook Book Fair
06.09 / 07.09, 19.00—23.00 • Manifatture Knos

Editori / bookstore in esposizione:
Witty Kiwi Books
Avarie Artbooks
LO.FT
Spine Temporary Small Press Bookstore

Porta le tue pubblicazioni, il banchetto te lo diamo noi!

Mercoledì 7, durante la mostra–mercato, troverà spazio:
Anirvacanīya performance di Stefano Urkuma De Santis e Annalisa Colucci

Exhibiting publishers and bookstores:
Witty Kiwi Books
Avarie Artbooks
LO.FT
Spine Temporary Small Press Bookstore

Bring your self-published books, we give you the stand!

On Wednesday, 7th, during the book fair, the Anirvacanīya performance by Stefano Urkuma De Santis and Annalisa Colucci will take place

Federico Patrocinio

Federico Patrocinio

born in Lecce (IT), 1981
lives in Italy

After studying in Milan at Istituto Italiano di Fotografia, he mainly produced still-life photography for companies for few years. At the moment, he contributes to the promotion and the education of photography in his hometown. Landscape, architecture, polaroid, pinhole: mixing these elements among others, he develops his own artistic research, on a long term show at Whitephotogallery.

memoriacatodica
2013—

text by Andrea Laudisa

memoriacatodica è uno strano viaggio notturno, uno di quei viaggi che si fanno nel pieno della notte, seduti sul divano in dormiveglia mentre alla tv scorrono immagini di personaggi che sembrano diventare nostri compagni di strada. Non è la prima volta nella storia delle arti visive che il mezzo fotografico cerca interazione col media televisivo, i tv-shots di Gruyaert e recentemente la rivolta araba di Di Noto hanno palesato la possibilità di stravolgere la percezione di un’immagine sia in senso puramente estetico che ripensarla da un punto di vista etico. Qui Patrocinio si abbandona al piacere di vecchie pellicole, che come ricordi accumulati nel tempo si sbrogliano lasciando emergere volti dal sapore onirico.

Indoor Exhibition
Whitephotogallery

memoriacatodica is an unusual night travel: wandering in the dead of night while sitting on the sofa half-asleep and watching images of people on TV who seem to become our travel companions. It is not the first time in history of visual arts that photography means trying to interact with media such as television. Gruyaert’s “TV-shots” and Di Noto’s “Arab Revolt” are examples that reveal the possibility to overturn the perception of an image in an aesthetic sense as well as in an ethic one. In this work, Patrocinio loses himself in the pleasure of old films which unravel, letting dreamlike faces emerge, as if they were memories collected over the course of time.

memoriacatodica-12

memoriacatodica-13

memoriacatodica-16

Francesca Semerano

Francesca Semerano

born in Bari (IT)
lives in Italy

Tessuti Toniù
2016

Tessuti Toniù è una storia di fruscii, ritagli, scampoli. È una trama che si dipana lungo l’ampio arco di vita di una donna, Antonia, il cui percorso copre un secolo intero. È un racconto a fior di pelle – scritto con occhi di una figlia che guarda sua madre – che, sulla pelle, nella sua fitta tessitura, scova le tracce di dolori, amori, ferite e successi di un’esistenza intera.
Ma è anche una storia che passa per un catalogo di piccoli tesori, quelli provenienti dal negozio di tessuti di Antonia, “Tessuti Toniù”, traguardo professionale perseguito e difeso con l’ostinazione di una donna imprenditrice nel dopoguerra del sud-Italia e confine in cui si consumano riti, vezzi e conquiste di un’identità femminile in trasformazione.
La trama di questo libro si compone di ritagli tratti dalle riviste d’epoca: è un piccolo catalogo dei cliché e dei condizionamenti ideologici a cui le donne sono state esposte a partire dal secondo dopoguerra e che ne hanno orientato l’identità. La trama di questo libro è l’inventario di una vita di lavoro, preghiere, cartamodelli da ricopiare, figli da crescere, memorie da conservare, vissuta al ritmo del pedale di una Singer. La trama di questo libro è un modo di tenere insieme le contraddizioni del femminile nella cornice di un unico ritratto.

Bitume Photobook
Manifatture Knos

Tessuti Toniù is a story of swishes, swatches, and scraps. It is a plot unfolding along the wide span of life of a woman, Antonia, whose adventure covered a whole century. It is a story on edge – told through the eyes of a daughter watching her mother – on her edges and in her dense texture, this daughter seeks out the traces of sorrows, loves, wounds and success of an entire existence.
But it is also a story that goes through a catalogue of small treasures, the ones coming from Antonia’s shop, Tessuti Toniù: a professional goal pursued and defended with obstinacy by a woman entrepreneur, in southern Italy, after WWII – stage of rituals, graces and achievements of a feminine identity in transformation.
The plot of this book is made up of cuttings taken from vintage magazines: a small catalogue of clichés and ideological constraints to which women were exposed to after World War II and that oriented, in a way, their identity. The plot of this book is the inventory of a life of work, prayers, patterns to be copied, children to be raised, and memories to be preserved. All of this lived to the rhythm of a Singer pedal. The plot of this book holds together the contradictions of the woman being, in the frame of a unique portrait.

TT5

TT2

TT01

TT6

Iacopo Pasqui

Iacopo Pasqui

born in Firenze (IT), 1984
lives in Italy

1999
2015–2016

Dal febbraio 2015 e per circa un anno, Iacopo Pasqui ha cominciato a frequentare e fotografare un gruppo di adolescenti nati nel 1999. Spinto da una curiosità verso le dinamiche sociali contemporanee e da una necessità di fotografare il prossimo, ritrova in questo gruppo di giovani amici una dimensione a lui congeniale per prossimità e distanza generazionale. Partendo inizialmente con un velo di pregiudizio dettato dalla convinzione di ritrovare nelle vite di Alessio, Chicca, Flavio, Francesco, Irene e Rebecca il riflesso del marcio e della decadenza della società contemporanea, col tempo l’autore si ricrede, riscontrando nella vita dei ragazzi più ordinarietà di quel che si aspettasse. Questo lavoro non vuole stupire visivamente i suoi fruitori, ma vuole essere una ricerca sulla poetica e sulla purezza di questa età, sull’ingenuità di questi giovani e sul loro modo di essere, in fondo, ancora un po’ bambini. Raccontare una realtà complessa ma al tempo stesso tanto normale da sembrare oggi distante anni luce da ciò che la circonda. 1999 è stato pubblicato per la casa editrice Witty Kiwi a luglio 2016.

Bitume Photobook
Manifatture Knos

Since February 2015 and for about a year, Iacopo Pasqui started hanging out with and taking pictures of a bunch of teenagers who were born in 1999. Motivated by curiosity towards contemporary social dynamics and by the need to photograph others, he finds in this bunch of young friends a suitable dimension for his work, given the proximity and the generation gap. In the beginning he starts dictated by the prejudice to find in the lives of Alessio, Chicca, Flavio, Francesco, Irene and Rebecca the reflection of the rotten and fallen contemporary society, but in time the author reconsiders his point of view, finding out in the kids’ lives a more ordinary nature that he had expected.
This work doesn’t aim at visually amazing his public, but it aims at being a research about the poetry and the purity of this age, about the innocence of these kids, and about their way to be, deep down, still children. It aims at revealing a reality that is complicated, but at the same time so normal to seems light years away from its surroundings.

_r001256_2

_r001731_2

_n005541-4

Anirvacanīya

Anirvacanīya (अनिर्वचनीय)

Performance video–sonora con dispositivi analogici, vecchi proiettori super-8 e proiettori di diapositive, che diventano strumenti musicali. Al tempo stesso le immagini proiettate, provenienti da archivi privati e amatoriali, raccontano la loro storia privata. Insieme, suono e immagine si fondono a formare Anirvacaniya, letteralmente “privo di parole”, termine mutuato dalla filosofia indiana per indicare lo svuotamento di identità sui dispositivi e le immagini. Le diapositive utilizzate nella performance fanno parte dell’archivio privato di Rocco Colucci, padre di Annalisa, che negli anni passati ha dedicato tempo e passione alla fotografia professionale. Le immagini scelte per Anirvacaniya sono prevalentemente scene tratte da contesti familiari, feste, cene e viaggi.

Stefano Urkuma De Santis
laureato in Ingegneria dei Materiali e Tecnico in Acustica Ambientale, ha pubblicato per etichette internazionali. Sue musiche e installazioni sono state selezionate ed esposte presso Fondazione Bevilacqua La Masa (Venezia), Galería Galou (New York), Sos Art (Parigi), Wienmodern (Vienna) e altre.

Annalisa Colucci
Film curator, si occupa prevalentemente di archivi filmici. Ha seguito un progetto sugli home movies pugliesi: Oggetti Smarriti e diretto diverse iniziative sul recupero e studio della memoria collettiva attraverso il mezzo cinematografico.

Schermata 2016-08-08 alle 13.03.05

Schermata 2016-08-08 alle 13.03.33

Schermata 2016-08-08 alle 13.03.21

Schermata 2016-08-08 alle 13.03.45

Schermata 2016-08-08 alle 13.04.14

Schermata 2016-08-08 alle 13.04.01

Marcello d’Andrea

Marcello D’Andrea

born in Lecce (IT), 1934
lives in Italy

Marcello D’Andrea, nato a Lecce nel 1934, dopo la maturità artistica, si iscrive al Magistero d’Arte di Firenze seguendo l’indirizzo di Architettura di interni. Tornato a Lecce, a partire dal 1955, si dedica all’insegnamento di Disegno Geometrico in diversi istituti e licei del Salento. Negli stessi anni avvia il suo percorso di graphic designer, contribuendo, nell’arco di quaranta anni di carriera, alla costruzione dell’identità visiva di aziende, negozi, hotel e case editrici locali. I suoi lavori, pubblicati sulle principali riviste del progetto italiane e su annual nazionali e internazionali, mescolano la ricerca personale con l’attività professionale di designer.

Sampling Marcello D’Andrea. Progetti dall’archivio storico del grafico leccese

La mostra presenta una selezione di progetti finiti, esecutivi di stampa, diapositive, studi e bozzetti, provenienti dall’archivio privato di Marcello D’Andrea. I progetti esposti svelano non solo l’iter progettuale quotidiano del grafico tra gli anni sessanta e novanta, ma anche il suo contributo alla costruzione dell’immagine di un territorio, quello salentino, nella seconda metà del secolo scorso. I documenti scelti si propongono di aggiornare la mappatura della storia del design italiano attraverso l’analisi del lavoro svolto nell’arco di quaranta anni principalmente in Salento, territorio ancora poco esplorato dalla storiografia del disegno industriale.

Indoor Exhibition
Manifatture Knos

A cura di Michele Galluzzo e Valerio Nicoletti per Positivo Diretto, in collaborazione con Elsa Moro. La mostra è realizzata grazie al supporto di Kiasmo.

07H

21C

24B

Greetings from Salento

Greetings from Salento

text by Valerio Nicoletti

Nel mese di agosto 2015, Positivo Diretto ha invitato sette fotografi, provenienti da Italia, Grecia e Germania, in una residenza d’artista co-realizzata con Gal Serre Salentine per la seconda edizione di Bitume Photofest. I dieci giorni di residenza, condotti dall’eccellente supporto di Gianpaolo Arena, hanno offerto la grande possibilità di far scoprire e guardare i quattordici comuni coinvolti tramite occhi e sensibilità di grande respiro. Lo sguardo pungente e attento di Pasqui e Albertini, smorzato dai colori della terra bruciata dal sole; il pathos di Sperling, intima narratrice della quotidianità; i “ragazzi” di Sanesi e quelli di Pappa, tutti protesi in uno sforzo generazionale arduo, tra lo sbocciare dei fiori come perfetta allegoria delle loro esistenze; i notturni vacui di Casonato, che attendono lo sguardo del fruitore per essere riempiti; per finire con i corpi architettonici di Stradtmann, in grado di cogliere le stratificazioni storiche, antropologiche e topologiche del territorio. A distanza di un anno, la galleria LO.FT ospita una mostra dei progetti realizzati, a cura di Positivo Diretto e LO.FT.

Indoor Exhibition
LO.FT. Locali Fotografici

In the month of August 2015, Positivo Diretto invited seven photographers from Italy, Greece and Germany to take part in a residency program co-realized with LAG Serre Salentine for the second edition of Bitume Photofest. The ten day residency, led by Gianpaolo Arena’s remarkable support, offered a great opportunity to see and discover the fourteen municipalities involved through sight and a project of tremendous scope. Results marked by Pasqui and Albertini’s sharp and attentive eyes, muted by the colours of the sun scorched soil: Sperling’s pathos, the intimate narrator of everyday life: the Sanesi and Pappa’s “boys”, all artificial limbs in an arduous, generational effort, among blooming flowers which were perfect allegories of their lives: Casonato’s empty nights, awaiting the viewer’s gaze in order to feel fulfilled: ending with Stradtmann’s architectural bodies, capable of grasping the historical, anthropological and topological layers of the area. One year later, LO.FT hosts an exhibition of the projects which have been realized during this awesome experience.

Schermata 2016-08-08 alle 14.42.57

Schermata 2016-08-08 alle 14.45.02

Schermata 2016-08-08 alle 14.44.41

Schermata 2016-08-08 alle 14.46.29

Collettivo DAV

Collettivo DAV

Dalila Di Troilo
Antonio Maria Fantetti
Vito Bellino

Tara, il fiume dei miracoli
2016

Tara è il nome di un piccolo fiume nei pressi della città di Taranto, che si snoda per circa 2 km a ridosso della più grande acciaieria d’Europa: l’ILVA. In un’area segnata da forte inquinamento, antropizzazione selvaggia e abusiva, questo breve corso d’acqua è una vertigine dello sguardo. Una visione che restituisce, immediata e straordinaria, l’aspra contrapposizione tra il grande cancro delle industrie e questa piccola oasi verde e azzurra.
Ma vegetazione lussureggiante, colori accesi, fauna selvatica e un fiume dalla portata rigogliosa sono solo una parte dell’incanto di questo luogo. Il fascino del Tara risiede in un’ulteriore, insospettabile aspetto: quello della fede. Da una vecchia leggenda sulla miracolosa guarigione di un asinello malato – lasciato al fiume a morire e risanato dalle sue acque – si è sviluppata prima una credenza popolare sulle proprietà miracolose e terapeutiche de u jume d’u ciucce, poi una devozione religiosa.
Ogni primo settembre, alle prime luci dell’alba, in questo angolo nascosto di Puglia si raccoglie alla spicciolata la gente per dar vita a una preghiera collettiva. Qualche passo più in là, qualche minuto più in là, un cespuglio riporta ai segni di quel cancro nero che tutta l’Europa conosce. Ma questa gente pare vivere un sogno che si ripete annualmente, nel quale fa bene lasciarsi cullare.

Bitume Photobook
Manifatture Knos

Tara is the name of a small river near the city of Taranto, extending for about 2 km just by the largest steel plant in Europe: the ILVA. In an area marked by heavy pollution, wild and abusive human activity, presence of military installations and refineries, this short watercourse is an overlook derangement. A vision – immediate and extraordinary – stressing the bitter opposition between the great cancer of the industries and this small green and blue oasis. However, lush vegetation, bright colors, wildlife and a river with abundant capacity are only one part of the enchantment of this place. The charm of the Tara river lies in a further, unexpected aspect: the one concerning faith.
Starting from an old legend telling the miraculous cure of a sick donkey – left to die at the river and healed, instead, by its waters – a popular belief spread, about the miraculous and therapeutic properties of the stream, and later on it became a religious devotion.
Every September 1st, at dawn, in this hidden corner of Puglia, haven for both eyes and soul, people gather to bring about a collective prayer. A few steps further down, a few minutes away, a bush recalls the signs of the black cancer that all of Europe knows. But these people seem to live a dream that is repeated every year, which is good to be lulled by.

39

24

21

13